Il cielo sbatte come dondola. Quelle nuvole pesissime (koch) s’impiccano all’azzuro e restituiscono chiarezza e patinatura all’insieme del quadro dal parabrezza scheggiato mentre arrivi senza fretta a Caprino, con la tua bella coda dietro (paola) e con il mondo baldo in cuore, giuliva e cupa angiolina sgravata da poco.

La grandine ha spaccato il mais e tutti i butti del vino. Come dire che faremo senza eucaristia, senzafede ; la Sgravata parla mentre guida e mentre pensa a questo, lo Scultore ascolta ma non ascolta [dice che è bello farsi portare (battisti)] e prova tutti i pulsanti del cruscotto, tira su e giù i finestrini elettrici, fa così insomma.

Ora una tirata sui film che propone Ghezzi alle tipo due del mattino in questi adesso umidi settembri deve per forza trasmettere l’impulso al movimento, uno qualunque. A lei però interessa: ieri sera. Non avevano ancora finito di distruggere il casotto alle cinque e ventidue. Heremias.

E s’incanta davanti a questa scoperta, che un’immagine che dura da venti minuti praticamente ferma, ma siamo disabituati, si muovono solo le foglie davanti e sembra che parlino loro, col vento ecco, ferma è ferma, si, ogni tre, quattro minuti c’è un leggerissimo cambiamento d’inquadratura, impercettibile, che l’immagine quasi ferma produca movimento interno.

C’è il matto che guarda da fuori, dopo un’ora e un quarto che l’hai guardato tu. E’ lui ora che guarda te, dietro il reticolato, nel boschetto filippino, vede arrivare le macchine le biciclette e le bufale e i ragazzini senza gli ombrelli, poi quelli sull’auto che scendono e spaccano. Mezz’ora di piscio sputo bomboletta merde birra pastiglie fumo giravolte, un youtube da dietro il filo del bosco, il bullo sporcaccione e il matto che lo guarda, la sospensione dentro, una fanciullezza estrema sciolta in acido (impressioni) ma la sospensione dentro.

E’ la realtà che scorre e segue il tempo che passa e non s’inventa storie. E’ quello che succede senza costruzione di nessi, quando davanti è morbido e tangibile e nessuno è il riferimento, ma lascia stare la perdita di punti fissi sovrastrutturale e il suo lamento, appunto! Nessun riferimento, tu nel mondo che si lascia acchiappare o guardare e tu guardato e acchiappato, la cinepresa come cosa semifissa , nessuna scrittura.

Lav Diaz, autore di Heremias, Filippine 2006, 660 minuti.

 


 

A rigor di cronaca aggiungo: (quanta bella roba!)

il manifesto del 10 Settembre 2008
IL FILM · «Melancholia» dalla durata impossibile, firmata da Lav Diaz
Tra rovine psichiche e estasi, i ribelli filippini che ipnotizzano
Rinaldo Censi
Venezia

Più ci si pensa e più appare curiosa la metamorfosi di Lav Diaz, questo piccolo cineasta dalla lunga criniera, un guitar hero ossessionato dal feedback , qualcuno che ha mosso i primi passi nel cinema commerciale filippino realizzando film pito-pito , produzioni low budget, girate e montante nel giro di due settimane, per poi giungere a realizzare magnifici corpus filmici dalla durata impossibile: veri e propri flussi visivi capaci di captare i magmatici movimenti dell’anima che riverberano e si materializzano nel suo paese, le Filippine. In Batang West Side (2002), le ore di proiezione sono solo cinque, per una detection incentrata sulla pulsione migratoria dei filippini verso gli Stati Uniti. Nel 2005 appare quello che avrebbe dovuto essere il suo primo film: Evolution of a Filippino Family , progetto decennale e fluviale: undici ore e mezza per ricostruire e incantare, raccontando le vicende dolorose di una famiglia filippina e, dietro a queste, quelle di un intero paese. Vengono poi Heremias (2006), il tellurico Death in the Land of Encantos (2007), 540 minuti in cui la bellezza e l’orrore convivono, fanno cordata, insinuandosi insieme alla piccola camera digitale di Diaz nella zona di Bicol, est Filippine, colpita da un tifone. Filmato in bianco e nero, Melancholia ipnotizza, spiazza per le sue invenzioni: è un film politico, per questo urgente. Bene ha fatto dunque la giuria della sezione Orizzonti capitanata da Chantal Akerman a premiarlo come miglior lavoro di finzione. Dietro la storia di una persecuzione politica (il regime filippino e la pulizia etnica dei suoi elementi considerati sovversivi, specie se comunisti) si muove un organismo complesso, una specie di fiore, una pianta esotica in perenne germoglio, che muta forma, specie, conformazione. Un film filippino di otto ore può interessare? Più o meno di un film etiope? Altra questione urgente, su cui sarebbe il caso di riflettere. Non ora, però. Nessuna polemica può smorzare la forza, il magnetismo che questo organismo in movimento sprigiona. Assassini politici, dunque. E una strana forma di malinconia che affetta gli abitanti del paese: accidia, demoni atrabiliari. Senso di abbandono. Se parlavamo di organismo, è perché Melancholia lascia crescere un possente sistema che oscilla tra la microstoria di tre attivisti in un movimento rivoluzionario, ora in clandestinità sull’isola di Sagada, e quella macro, espansa, che riguarda un intero paese. La persecuzione, il senso di oppressione e minaccia, da una parte. Dall’altra la malinconia. Due strutture comunicanti? «Quando abbiamo infine messo piede a Sagada, in un giorno freddissimo, ho compreso che la mia storia doveva avere a che vedere con la malinconia, la tristezza profonda, il dolore, la solitudine. E poi, il personaggio di Julian Tomas è arrivato, insieme al suo radicale processo per la cura della malinconia attraverso l’immersione in un personaggio», afferma Lav Diaz. Basta una sola inquadratura del film per assecondare quello che somiglia ad un invito. È il tempo necessario perché il nostro respiro, il nostro organismo entri, si acclimati a quello di questa pianta colossale, in modo da trovare la medesima respirazione, immergendosi nel flusso delle lunghe inquadrature. Lo stupore verrà dopo, insieme alla sorpresa. Ci vogliono almeno tre ore di proiezione per afferrare e apprezzare in pieno lo svelamento che permette al film di mutare forma davanti ai nostri occhi. Sono tre ore spese bene. Quella che sembra la storia di una prostituta, di una suora e di un magnaccia, si schiude improvvisamente davanti ai nostri occhi. Salta l’immedesimazione con le sorti dei personaggi. Perché qui non ci sono personaggi, ma solo figure mobili, processi di immersione che si interrompono. Questo prevede la cura professata dallo scrittore Julian Tomas, fissata sulle pagine di un libro intitolato appunto Melancholia . Fragranza della pura invenzione cinematografica: la discesa in uno stato di ipnosi vigile, puntellata da scarti improvvisi, sviamenti, momenti di puro inabissamento narrativo e sensoriale. Melancholia è un film in stato di grazia, dove si commercia con i propri fantasmi; un film fatto di improvvise estasi, ricordi indelebili, storie terribili e rovine psichiche: una donna che canta nella giungla, un uomo braccato, sul bordo di un fiume, che strappa le pagine di un diario, sotto la pioggia persistente. Le onde del mare. La maestosa bellezza di queste immagini, l’orrore per ciò che è scomparso, o sepolto: un teschio che emerge dal terreno. Questo film è un lungo e maestoso riverbero, simile a quello distorto che emerge dalla chitarra dello stesso regista Diaz in una sequenza del film. Il caos sonoro, la dissonanza, la materia sonica: il dolore e l’insensatezza trovano qui un’improvvisa forma di emersione. O una valvola di sfogo?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. vaan60 scrive:

    direi dal tuo flusso…qualcosa che inchioda. ( ops. i puntini )

  2. molesini scrive:

    Ciao Vaan (da dietro una sottile, di palmetta).

  3. perijulka scrive:

    l’amore si prende gioco di me

    ci sei, forse ,ma perchè non posso farti vibrare?

    mi accendi,mi spegni, mi lasci

    dovrei essere io a parlare? a dirtelo?

    con te posso soltanto farfugliare le cose inutili

    e se anche tu parlassi? potrei guardarti in faccia

    amarti per quello che sei,

    sei tu forse il cibo dei sogni?

    che scava nella pietra dell’ anima?

    dove cerco la speranza,la voglia di credere?

    come un voler credere ,dopo tanto tempo

    la voglia d’amore,con te e nel diverso

    magari potrei essere felice

    una nuvola irraggiungibile

    un salto in alto

    chissà,venirti incontro,rischiare l’anima

    un baratro di solitudine

    un giardino di dio , un mazzo di fiori

    bagnarti di primavera

    grondarti di vita

    voglio sognare , rari sapori antichi

    che provengono dall’infinito,

    e accarezzano la mia mente in un profumo di libertà

    che, limpida e incancellabile, penetra in me

    sarebbe Interminabile il sollievo, racchiuso in un istante,

    un accusar la vita, la sua precarietà , la lacerata speranza

    e sognare il nido dell’estasi, la folle realtà , l’occho della verità,

    il tuo viso , lieve soffio di vento

    che penetra il corpo

    e chiude il cuore

    immenso fuoco ,l’amore ,alimentato dal vento

    attraverso pianure e montagne,si tuffa nel mare

    lo riempie di gioia, lo porta via

    per sempre

    penso il tempo che mi avvicina a tali profondità

    sui candidi pensieri dell’illusione

    nella visione d’un dolce desiderio

    e si trascina via la vita, e il sentimento

    e la quiete, furioso lamento

    baci lasciati sulla spiaggia

    cancellati dai giorni

    baci di profonda impronta,un peso che portiamo nei ricordi

    penso

    il calore del tramonto

    chiamato vita