Ora no, ora no. Non ti concedo ulteriori palle. Hai sempre trattato tutti così, tu, adesso beccati la mia intransigenza. Fai del mondo la risultante di quello che sai calcolare, sei tu al centro, e non ti interessa sapere nulla, null’altro.

Bastoni in corno d’alce. Lama di selce di provenienza lontana. Avorio di mammuth. Conchiglie marine.

Materie prime non presenti in loco. Il principe: corredo funerario. Dalla Francia. Dall’europa dell’est.

Ragazzo di quindici anni. Ventiquattromila anni fa. Longilinea, alta, tropicale, africano. Il Principe. Aree lontane. M.del nord.

Balzi rossi. Arene candide. Maschi. Cacciatori. Simbolo, prestigio. Gli individui sepolti hanno caratteristiche peculiari. Tracce di una gravissima ferita che ha asportato parte della mandibola o della spalla. Grande mammifero, caccia all’orso, anche in Germania. In Moravia: aspetto peculiare: cos’è stato fatto, o per le circostanze della loro morte. Clima: forma dell’orbita della terra attorno al sole. Prima glaciazione 20.000 anni fa. Dr. Garibaldi: al termine di una battuta di caccia fortunata. Sulla costa ligure. Divertimento, socializzazione, costruzione, arte:

età della pietra: sottoposta a frattura si stacchi per ottenimento dei bordi. Le cose più vicine ma mai tracce dell’uso: servito per lavorare

l’osso

l’avorio

il corno

la pelle:

cose precluse all’osservazione.  Arte parietale?

dubbi scemati: prof. Baral di Monaco 2000 segni simbolici sulla parete del caviglio una figura di cavallo in stile naturalistico ricorda la franciadelsudoilmeridione d’italia

riflettendo: gli scavi non avevano dati certi, livelli di cultura, "dati veri alti…", incide la roccia con una pietra più dura: prof. Mussi/il significato sfugge. Piccole statue femminili:15: tutte nelle sue mani. Steatite, clorite, avorio di mammuth, non c’è in italia, 2 figurine, rappresentano esseri di sesso femminile, schiette creature fantastiche non somiglianti a specie precisabile, significanza simbolica perplessa. Quali altre veneri? Assomigliano alle veneri delle sponde dell’ Atlantico fino alla Siberia: 24/28 mila anni fa, contatto come web da un capo all’altro degli Urali.

La triplice sepoltura. Il museo privato. Mine che fermano la ferrovia. Stratigrafia barma grande. Tracce lasciate dall’uomo sulle ossa: datazione carbonica delle stesse, sulle forme, studio dna

Tutto? Archivi. Nulla si escluda. Aiutare a comprendere significato. Fasce di pubblico. Ricostruzione computerizzata del volto. Ai primi di aprile volto del Principe delle Arene candide.

Libri parlanti aiutano chi non ha la possibilità di leggere le didascalie. E le grotte, cosa potevano ancora darci, quando, vuote, tutto sembrava già detto e già fatto? Siti importanti: in ogni momento possono darci informazioni.

La deviazione del treno Ventimiglia-Italia darà, certo,  altre informazioni. Dalle sovraintendenze ai musei alle università alla divulgazione: importanza delle radici.

Studio: non 4, decine di glaciazioni: solida preparazione di base, apertura confini, mi raccomando, attenzione alle nuove tecnologie che fanno scoprire i cambiamenti in diretta. E la lingua: l’inglese, che permette di capire cosa succede nel mondo.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. RobySan scrive:

    Lo storiografo e l’archeologo hanno questa perversione di estrarre dati per sottrarre il passato al Mito e consegnarlo alla Storia. Ché l’uomo crede davvero di avere bisogno di Storia.

    ====

    Avevo cominciato così il commento ma poi… no. E’ davvero troppo difficile.

  2. anonimo scrive:

    già

    terrabruciata