Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a

  1. dirtyinbirdland scrive:

    La necessità è il diritto, vero Silvia?–

  2. molesini scrive:

    Non capisco, Maiko. La necessità non dà diritto, scava solo un posto davanti a sè, arriva anche a travalicare e può diventare despota. In che cosa hai visto la necessità diventare diritto, qui?

  3. molesini scrive:

    Ah! Forse il diritto di Tre madri! Ora, ho capito: io spero, visto che non so, che l’interpretazione di un brano fatta in web, su un sito, non possa essere considerata come l’esecuzione di detto brano in un pubblico evento. Ma non conosco i vari aspetti legislativi del singolo caso, mi rimetto a. Non si tratta comunque di necessità, parlerei piuttosto di avventura.

  4. anonimo scrive:

    grazie per il tuo commento alle mie poesie su liberinversi. scusa, lo faccio qui perché non ho trovato un tuo indirizzo email e lì magari non torni più a leggere il vecchio post. teresa zucc

  5. lillihofer scrive:

    è una vita che cerco qualcosa che faccia rima con nord. :) molto bella, silvia. molto. prezioso sentirla chiamare per nome, suonare da te.

  6. ritabonomo scrive:

    un’altra piccola lezione di vuoto.

    e ai toc toc non rispondi

    :)

    Rrr

  7. ioletoini scrive:

    nelle pennellate della voce ritrovo

    il profilo chiaro gli occhi accesi l’abbraccio

    che tende e tende oltre

    il percorso di una poesia quasi una strada

    vera che fa venire la gioia.

    un bacio.

    grazie per sabato.

    per le cose strette addosso

    per le cose vive che più di tutte dicono la poesia.

    i.

  8. anonimo scrive:

    E’ sempre con grande affetto che mi avvicino alle tue poesie. Riesci a creare attese che (incuranti)curano.

    Nomade dell’ incontro, siamo in tanti in viaggio.

    Un bacio

    piero b

  9. molesini scrive:

    Grazie semianonimo piero b, compagno di navigazione, mi piace incontrarci/ti. E un buon natale e un buon anno, così, da qui.