Tutto Edgar

 

Stai nel fotogramma da vicino, tuttintero invero e mi avvicino, a guardare il nero pelvico e il sorriso, idiomatico fantasico e corsivo, un sorriso di te, bebè, trattorino.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a

  1. RobySan scrive:

    Trattorino :)

  2. sabotar scrive:

    ingranaggino?

  3. sabotar scrive:

    tutto in vendita?

  4. molesini scrive:

    Olà op! Venite siori e siore, mettiamo in vendita Dio e tutto quello che ci va! Venite, servitevi tutti, questa è la mia carne, questo il mio sangue, offerti in sacrificio per voi!

  5. sabotar scrive:

    non frequento posti con cartelli

    piu’ semplicemente, non frequento

  6. molesini scrive:

    D’accordo, non frequenti ma ci sei, intervieni. E non puoi, semplicemente non puoi, considerarmi una venditrice di bambini perché questo bambino apprezzo e lodo e amo e mostro in una sua meravigliosa espressione di accoglienza del mondo! Questo bambino è una persona viva e comunicativa, come te e me, nessuno la sta strumentalizzando perchè entra in un contesto preciso e tutelato, e comunque ne facessero la prossima reclame degli sturaorecchie, di nascosto, pensa a quante cose ne potranno fare, di nascosto. Se non fosse che se ne farà un bel baffo, proprio imparando (bene) dalla demistificazione dell’immagine e quant’altro (che non sono perdita di senso).